Che birra stai cercando?

Cerca per

Birra artigianale tutte le tipologie

Birra artigianale tutte le tipologie

Vuoi conoscere tutte le tipologie di birra artigianale? In questo articolo vedrai soddisfatta la tua curiosità. Partiremo dal concetto di tipologia di birra per poi passare a parlare delle principali famiglie di birra artigianale perché classificarle tutte è praticamente impossibile.

Per tipologia di birra si intende un insieme di birre accomunate da caratteristiche organolettiche simili. Ogni tipologia o stile ti parla immediatamente della schiuma, del colore, dell’aromaticità e del colore della birra. Ma non solo. La tipologia ti indica anche le tecniche di produzione e le materie prime utilizzate. Una semplice parola racchiude in sé una grande quantità di informazioni.

Quando si parla di tipologie di birra artigianale la situazione si complica ancora di più perché in questo settore entra in campo la fantasia e la creatività del mastro birraio che difficilmente possono essere categorizzate. Per semplicità, quindi, vediamo insieme quali sono le principali.

Pilsner

Iniziamo con le Pilsner perché quando senti dire birra artigianale quasi sicuramente pensi ad una Pilsner. È questa infatti la tipologia di birra artigianale per antonomasia.

La Pilsner, o Pilsener e Pils che dir si voglia, ha origini tedesche e polacche. È una birra chiara, limpida, sormontata nel boccale da una bella schiuma compatta e persistente. In bocca è delicatamente amara, intensamente luppolota e con sentori di miele. È piuttosto frizzante e dal sapore non molto persistente.

Bock

La tipologia Bock nasce in Germania e fa riferimento ad una birra ambrata con una schiuma persistente e un delicato profumo di caramello e frutta. In bocca esplodono i sentori di caramello e tostatura gradevolmente bilanciati dal luppolo. La gradazione alcolica di questa tipologia di birra artigianale oscilla tra i 6 ei 7 gradi che le conferiscono un gusto pieno e persistente.

La Helles Bock invece è la trasposizione chiara della Bock, caratterizzata dal perfetto bilanciamento tra il luppolo e il malto. È una birra dorata, dal colore intenso, con una schiuma importante e dal profumo di miele, caramello e fiori. Ha un gusto pieno e un retrogusto piuttosto amaro.

Il colore delle birre artigianali di tipologia Doppelbock, grazie ai malti caramellati scuri, va dall’ambrato al rosso granato. Il loro profumo è notevole, con sentori di tostatura, frutta secca e caramello. Al palato il gusto dolce e il sapore maltato prevalgono e il luppolo scompare quasi del tutto.

Weizen e Weiss

Le tipologie di birra Weizen e Weiss nascono in Germania, più precisamente in Baviera. Sono birre ad alta fermentazione prodotte con frumento maltato, ricche di anidride carbonica, dal colore oro o ambrato leggermente velato e con una schiuma compatta. Hanno un sapore fresco e un bouquet complesso fatto di aromi scarsamente luppolati, ma fruttati e floreali con note di chiodi di garofano, coriandolo e banana.

Blanche

La Blanche o Witbier è una birra nata in Belgio e prodotta con il frumento che riscuote molto successo anche all’estero. A differenza delle Weizen e delle Weisse, per questa tipologia di birra artigianale viene usato frumento crudo e in una percentuale minore, pari a circa il 30%. È una bevanda dal colore giallo leggermente velato che, quando viene versata, produce un cappello di schiuma bianca e compatta. La Blanche è una tipologia di birra dal basso grado alcolico e dai sentori spiccatamente speziati e agrumati, come il coriandolo e la buccia d’arancia. In bocca risulta leggermente acida sul finale, ma le note speziate arrivano ad equilibrare il tutto.

Strong Belgian Ale

La Strong Belgian Ale, come dice il nome stesso, è una birra di origine belga con una gradazione alcolica piuttosto alta che va oltre il 7%. A seconda del colore e delle caratteristiche organolettiche, questa tipologia di birra artigianale viene ulteriormente distinta in Golden Ale e Dark Ale. Quello che accomuna i diversi stili sono il sapore di malto e lievito, il gusto amaro del luppolo e l’aroma fruttato.

La Strong Belgian Golden Ale è una birra bionda dal bouquet aromatico complesso, ma bilanciato composto da sentori fruttati speziati, luppolati e floreali. Il gusto è abbastanza amaro e la gradazione alcolica può arrivare al 10% in volume.

Il colore della Strong Belgian Golden Ale va dall’ambrato al marrone intenso. Al naso risaltano il caramello tostato, il miele, la liquirizia, la vaniglia e i frutti essiccati come i fichi e le prugne. In bocca prevalgono l’amaro del luppolo e delle tostature. È fra le tipologie di birra artigianale più alcoliche e può arrivare a 12% di alcol in volume.

Lambic

La Lambic è una tipologia di birra artigianale originaria della valle della Senna, nella regione belga del Pajottenland. La Lambic e le sue varianti sono una specialità tradizionale garantita e tutte le birre prodotte al di fuori di questa zona con le stesse tecniche vengono chiamate Lambic-style o pseudo Lambic.

Bionda o rossa, la Lambic è una birra artigianale secca e dissetante, non molto frizzante e dal gusto poco persistente. Nel bicchiere produce poca schiuma e ha una gradazione alcolica media che si aggira intorno al 5%. È una bevanda piuttosto aspra e spesso, per addolcirla, nella fase della fermentazione viene aggiunta della frutta.

Di questa tipologia di birra artigianale fanno parte le Gueuze, le Faro e diverse Fruit Beer. Le Geuze sono ottenute unendo Lambic di età diverse, mentre aggiungendo zucchero candito scuro o melassa si hanno le Faro. Fra le Fruit Beer, le più tradizionali sono la Kriek all’amarena e la Framboise al lampone. La fantasia però non ha limiti e sono nate Lambic con altri tipi di frutta come l’uva e l’ananas.

Stout

La Stout è una tipologia di birra artigianale scura ad alta fermentazione prodotta con orzo tostato e malto d’orzo tostato in percentuali che possono variare. Di origine inglese, è una birra piuttosto alcolica e che al naso presenta aromi di caffè, di tostatura, cacao liquirizia e caffè. In bocca è corposa, dal gusto amaro e poco persistente bilanciato dal sapore cremoso. Una volta nel bicchiere la schiuma compatta a grana fine non deve superare l’altezza di due dita.

IPA

Le IPA, India Pale Ale, sono una tipologia di birra artigianale che nasce in Inghilterra per essere esportata in India, quando questa era ancora una colonia britannica. Con il passare del tempo però questa birra piacque così tanto anche agli inglesi che si diffuse anche nel Regno Unito.

Le India Pale Ale rientrano nello stile delle Ale, cioè di quelle birre ad alta fermentazione poco effervescenti e preparate ad una temperatura compresa fra i 15° e i 25°. Le IPA sono chiare o ambrate e quelle non filtrate hanno un colore velato. Il grado alcolico varia dal 5% al 7,5% in volume e nel bicchiere la schiuma è compatta e abbastanza persistente. Al naso si viene pervasi da aromi floreali di luppolo, speziati e agrumati; a volte emergono sentori fruttati, di caramello e di pane appena cotto. In bocca si rivela una birra secca e corposa; il luppolo gli dona un gusto amaro, mentre il malto gli conferisce un sapore biscottato, tostato, caramellato e fruttato.

APA

Le APA, American Pale Ale, sono il corrispondente d’oltreoceano delle IPA britanniche e presenta un maggiore equilibrio fra luppolo e malto rispetto alla sua parente inglese.

Questa tipologia di birra artigianale è di colore chiaro o ambrato, poco alcolica e nel bicchiere sfoggiano un discreto cappello di schiuma. Le APA Al naso fanno sentire il luppolo, il malto, gli agrumi, le spezie, i fiori e ricordano persino il profumo dei pini e della resina. Al palato si dimostrano birre fresche, secche e piuttosto amare, ma ben bilanciate dal sapore del caramello e del tostato.