Birra Vandenbroek

Il progetto Van Den Broek ha radici lontane nel tempo. È frutto di anni di esperimenti e di tanta passione, che rendono queste birre uniche ed inimitabili.

La prima idea di birrificio nasce nel 1972, a Eindhoven, dove un poco più che sedicenne Toon, birraio di Van Den Broek, si cimentava nel magazzino dei genitori con il suo primo impianto da 1hl. Qui poteva sperimentare tutto ciò che apprendeva durante il suo praticantato presso la De Kroon Brewery di Oirschot,

Le prime birre prodotte dal giovane Toon erano a bassa fermentazione, e utilizzavano ceppi di lievito provenienti da De Kroon. Talvolta però attraversava il confine col Belgio in motorino, per recarsi nei pressi dell’abbazia di Westmalle alla ricerca di ceppi ad alta, difficili da reperire in Olanda.

Solo qualche anno più tardi, grazie ad un amico belga che lo avvicina al mondo del Lambic e della fermentazione spontanea, il giovane Toon trova il suo grande amore, che ancora oggi coltiva con grande passione.

Gli anni passano, e nel 2007, dopo due decadi di lavoro in un caseificio biodinamico di Drenthe colpito duramente dalla crisi di settore, Toon decide di rispolverare il suo amore giovanile: la birra.

Comincia dunque la produzione, dapprima – per sua stessa ammissione – come hobbista (“volevo vedere se ero ancora capace“, racconta in un’intervista), ma nel 2014 decide di dedicarsi completamente al progetto.
Nasce così a Midwolde, piccolo paese in provincia di Groninga, la Brewerij Van Den Broek.

Tutto il birrificio, macchinari compresi, è stato progettato e costruito dallo stesso Toon, per far sì che la natura e l’artigianalità abbiano il sopravvento su tecnologia ed innovazione.
Il birrificio ha due caldaie in rame alimentate a legna, come tradizione vuole, una vasca di raffreddamento e tanti piccoli “operai” forniti dalla natura, che danno origine all’affascinante fenomeno della fermentazione spontanea.
Tutto ciò rende uniche le birre di Toon, e talvolta con nuove sfaccettature aromatiche, a seconda della stagione in cui vengono prodotte.

La creatività di Toon lo porta a spaziare nel fantastico mondo della fermentazione spontanea, producendo svariate tipologie di birra, ed ogni lotto numerato è diverso dal precedente.

Una piccola curiosità: in passato il Lambic veniva prodotto in diverse zone dei Paesi Bassi, ma oggigiorno una birra può essere chiamata Geuze solo se prodotta nella regione del Pajottenland.
Per questo motivo le birre di Van Den Broek vengono denominate WaterGeus.