Che birra stai cercando?

Cerca per

Proprietà della birra: guida completa

Proprietà della birra: guida completa

Le proprietà della birra sono talmente tante che abbiamo pensato di fare una guida completa che vi aiuti a capire cosa state bevendo. Quando arriverete in fondo all’articolo, vi sarete resi conto che quella birretta fresca che fa tanta allegria quando la bevete con gli amici, in realtà è molto di più di una semplice bevanda frizzante.

Che la birra abbia numerose proprietà salutari non è una novità. Lo sapevano già nel Medioevo i monaci delle antiche abbazie e persino i Sumeri e gli Egizi. La loro era una conoscenza empirica, ma avevano capito che la birra è qualcosa di speciale. Non mi credete? Vi mostro in dettaglio quali sono tutte le proprietà della birra in questa guida.

Quali sono le proprietà della birra

Quali sono le proprietà della birra, dunque? Ve lo dico subito: la birra ha un alto potere nutritivo e numerose proprietà benefiche e terapeutiche.

Un vecchio detto popolare italiano dice che “chi beve birra campa cent’anni”. Già questo proverbio diceva che la birra ha effetti benefici sulla salute. Fu ripreso poi nello slogan di una campagna pubblicitaria degli anni ’20 del secolo scorso per esortare gli italiani a consumare questa bevanda dalle numerose proprietà. Ma cosa si nasconde dietro questa frase? E soprattutto, cosa c’è di vero? Questo proverbio non è da prendere alla lettera, ma i detti popolari nascondo sempre un fondo di verità. E in questo caso la scienza ha confermato che, anche se non aiuta a vivere più a lungo, la birra a numerose proprietà benefiche e terapeutiche.

Andiamo ancora più indietro nel passato, fino quasi alla sua nascita. L’antico popolo egizio era ben consapevole della proprietà nutritive della birra tanto da paragonarla al pane. E non solo perché gli ingredienti del pane e della birra erano gli stessi: acqua, lievito e cereali. Un affresco egizio del 1500 a.C. mostra degli uomini all’opera mentre impastano pane d’orzo che viene cotto in forno. Dopo la cottura, il pane veniva immerso in un contenitore pieno di acqua e fatto bollire. L’acqua di cottura veniva poi decantata e si otteneva una bevanda che nel IV secolo d.C. chiamavano “pane di malto”.

Grazie alle sue proprietà nutritive, nel Medioevo la birra veniva chiamata dai monaci “pane liquido”. Durante i loro lunghi periodi di digiuno, non potevano mangiare, ma i liquidi no erano vietato. Quindi bevevano birra che gli forniva le calorie, i carboidrati e le proteine per vivere e lavorare.

Ma questa è solo la punta dell’iceberg. Gli ingredienti di cui è fatta conferiscono numerose altre proprietà alla birra.

Le proprietà benefiche della birra

Le proprietà benefiche della birra sono state confermate nei secoli successivi dalla scienza e sono legate alle materie prime di cui è fatta. E non fa differenza lo stile di birrificazione o che la birra sia rossa, ambrata , bionda o scura. Insospettabilmente la birra ha numerose proprietà benefiche per il nostro organismo che non immaginereste mai. Vi faccio qualche esempio.

Se usata per marinare la carne e il pesce, la birra ha un’azione anti-cancro perché riduce la formazione delle sostanze cancerogene che potrebbero crearsi durante la cottura. Oppure se bevete una birra analcolica dopo aver fatto esercizio fisico reintegrerete i liquidi e i sali minerali persi durante l’allenamento.

Per godere di tutte le proprietà benefiche della birra ricordatevi di scegliere birre artigianali che, a differenza di quelle industriali, sono prive di additivi e conservanti. Per non parlare poi delle vitamine perse durante la pastorizzazione e la microfiltrazione industriale. Vediamo più in dettaglio quali sono le proprietà non solo benefiche, ma addirittura terapeutiche della birra artigianale.

La birra e le proprietà terapeutiche

La birra ha notevoli proprietà terapeutiche. L’importante è farne un consumo limitato e consapevole per non ottenere l’effetto opposto. Come vi ho già detto, il merito delle qualità positive della birra è dovuto principalmente alle sostanze di cui è fatta e in particolare all’alcol, agli zuccheri, al luppolo, all’anidride carbonica, alle vitamine e ai sali.

L’ingrediente principale della birra è l’acqua, che la compone per circa il 90%. Il restante 10% contiene una discreta quantità di principi nutritivi quali sali minerali come calcio, fosforo, zolfo, silicio, potassio e magnesio, zuccheri, tannini e sostanze azotate. Contiene vitamine e sostanze importanti per un corretto apporto nutrizionale quali le vitamine del gruppo B, la vitamina H, la niacina, l’acido folico e quello pantoteico. Queste sostanze sono importanti per il funzionamento del sistema muscolare e nervoso.

La birra ci mantiene giovani perché l’elevata quantità di polifenoli di questa bevanda conferisce alla birra proprietà antiossidanti che contrastano la formazione dei radicali liberi e quindi l’invecchiamento dei tessuti.

Non si direbbe, ma l’alcol, se assunto in piccole quantità, ha delle proprietà benefiche per il nostro organismo. Innanzitutto stimola il nostro cervello, migliorando l’attenzione e le nostre capacità di comunicazione.

L’alcol contenuto nella birra aiuta il sistema cardiocircolatorio perché favorisce la vasodilatazione delle piccole arterie e del circolo coronarico e aiuta a prevenire gli attacchi cardiaci e i coaguli di sangue. Se ingerito a piccole dosi l’alcol ha anche effetti positivi sul colesterolo, abbassando i livelli di quello cattivo e aumentando la quantità di colesterolo buono HDL nel sangue. Favorisce così un aumento dei trigliceridi e una riduzione degli acidi grassi liberi e dei lipidi totali.

In piccole dosi l’alcol stimola l’attività metabolica del fegato e, insieme ai sali di potassio, ha anche un potere diuretico. Grazie all’alcol, le resine e gli oli del luppolo e all’anidride carbonica, la birra ha anche proprietà lassative. Anche le resine contenute nei germogli di orzo hanno un’azione diuretica che aiutano il funzionamento dei reni nell’eliminare l’acqua in eccesso e le tossine.

Il luppolo ha caratteristiche amaricanti che, associate all’alcol, all’anidride carbonica e ad alcuni fermenti, stimola la secrezione dei succhi gastrici e la motilità delle pareti dello stomaco aiutando la digestione. Il luppolo poi abbassa il rischio di formazione calcoli renali.

Fra gli zuccheri contenuti nella birra, i più importanti sono le destrine che svolgono un’azione antisettica a livello intestinale e stimolano l’assorbimento degli altri zuccheri. Infine, la birra tra le sue proprietà terapeutiche ha la capacità di contrastare l’insonnia perché, grazie all’alcol e all’orzo, ha una lieve e piacevole azione sedativa che favorisce il sonno.

Ricordate sempre che stiamo parlando comunque di una bevanda alcolica che va consumata responsabilmente.